Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 ambiente    NOTIZIE O Line

La Giornata FAI in Umbria

Sabato 28 e domenica 29 marzo 2009 torna la “Giornata FAI di primavera” a sostegno dell’arte e della natura italiane. Apertura straordinaria di 580 monumenti in 210 città: “FAI anche tu”!


È il momento dell’anno in cui il FAI incontra gli italiani e si ritrova da nord a sud, nelle piazze, nei palazzi e nelle chiese, in centinaia di luoghi diversi: è l’appuntamento per scoprire monumenti e luoghi spesso inaccessibili e per trasmettere l’impegno e la passione del Fondo Ambiente Italiano. È la 17° Giornata FAI di Primavera, in programma il 28 e 29 marzo con il coinvolgimento di 210 località italiane e 580 beni - la maggior parte dei quali normalmente chiusi al pubblico. Un evento ormai tradizionale la cui affluenza si misura negli anni in milioni di visitatori, l’occasione per unirsi al FAI e sostenere concretamente il patrimonio del nostro Paese.

A fianco del FAI c’è ancora una volta Wind, “main sponsor” della Giornata FAI di Primavera che festeggia quest’anno i suoi 10 anni di vita, 10 anni vicini alla Fondazione per la valorizzazione dei beni artistici e culturali italiani.

La Giornata FAI di Primavera non si caratterizza solo per la ricchezza di incontri che offre, per le sorprese che regala, per le infinite emozioni che suscita: la sua forza sta anche e soprattutto nell’entusiasmante coinvolgimento di tutti, nella capacità di far sentire chi vi partecipa non un visitatore occasionale, ma un testimone e un protagonista dell’azione di salvaguardia e difesa dell’arte e della natura italiane. Proprio per questo l’invito che la Fondazione rivolge a tutti coloro che parteciperanno a questa edizione della Giornata FAI è semplice e diretto: “FAI anche tu”. Proprio come il FAI, difendi, partecipa e contribuisci concretamente - con l’iscrizione, con una donazione, con un atto di volontariato - a questo grande movimento.


Tra le aperture in Umbria segnaliamo

• Orvieto (TR)
Chiesa di San Rocco* - Bene normalmente chiuso al pubblico
La Chiesa di S. Rocco è un raro esempio rinascimentale nella città, tipicamente medievale, di Orvieto. Fu costruita per iniziativa civica in seguito alla grave epidemia di peste del 1523. La chiesa
fu proprietà e sede della Confraternita omonima fino all’inizio dell’Ottocento quando, dopo la soppressione delle confraternite, la chiesa assunse la cura delle carceri. L’aspetto attuale della chiesa si deve all’intervento di restauro seguito al crollo di una porzione del tetto verificatasi nel 1924 a causa del deterioramento della struttura. Nonostante l’incuria, l’edificio conserva interessanti dipinti murali. Nel tardo Cinquecento e nei due secoli successivi furono aggiunte nuove decorazioni pittoriche, in particolare presso gli altari laterali.


• Perugia
Chiesa San Francesco al Prato - Bene normalmente chiuso al pubblico
Monumentale edificio del centro storico di Perugia, costruito nel XIII secolo con la commistione architettonica degli stili gotico e romanico. Fortemente compromessa da dissesti del terreno, la chiesa ha subito interventi nel corso del XVIII secolo che ne hanno alterato la struttura e adeguato al gusto tardo barocco gli interni. Oggi, sebbene non rimanga altro che la struttura dell’edificio, oggetto da diversi anni di interessanti interventi di restauro che ne prevedono la destinazione ad auditorium, l’edificio è ancora nel cuore dei cittadini.
Chiesa della Madonna della Villa – Santuario dei Pellegrini - Bene normalmente chiuso al pubblico
La chiesa della Madonna della Villa, santuario processionale, venne eretta per libera iniziativa popolare tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo, a protezione di un’edicola viaria posta sulla strada che collega fra loro le città di Perugia e di Assisi. La piccola struttura, contenente un’immagine mariana miracolosa costituiva al tempo un punto di aggregazione importante per le comunità del contado perugino e una sosta intermedia per i flussi di pellegrini diretti verso i santuari di Assisi e Loreto. All’interno il vasto apparato decorativo conta più di cinquanta dipinti votivi.

• Monteleone di Spoleto (PG) (nella foto)
Complesso di S. Francesco - Bene normalmente chiuso al pubblico
Il complesso fu fondato nel 1280 ma successivamente integrato e restaurato, sia per adattarlo a nuove esigenze, sia per ripristinare arre danneggiate da vari terremoti. La facciata è ornata da un bel portale ogivale con rilievi vivaci e ispirati a motivi naturalistici con animali, figure umane e angeli. L’interno è a due navate, con pareti affrescate da opere del XIV secolo. Altro elemento di interesse è il crocifisso ligneo intagliato nel XV secolo posto sopra l’altare maggiore, riccamente decorato da marmi del Seicento.

• Montoro (TR)
Montoro: il Castello e il suo borgo
Castello - Palazzo Patrizi Montoro e Borgo di Monitoro - Bene normalmente chiuso al pubblico
La visita offre molteplici spunti di interesse: il castello-palazzo propone infatti una interessante sovrapposizione di interventi edilizi di epoche successive dall’epoca feudale al tardo rinascimento. Il borgo è incastonato nella struttura militare e si dispone su tre livelli degradanti dominati dalla torre merlata. La visita del castello consente di leggere i segni delle vicende legate alla storia di una delle più importanti famiglie guelfe poi divenute esponenti dell’aristocrazia nera romana. Allo stesso tempo l’insieme di borgo e castello costituisce un unicum arroccato su balze rocciose a dominare la valle del fiume Nera, in una cornice naturale ricca di olivi millenari e vigneti.

• San Gemini (TR)
Alla ricerca della San Gemini romana
San Gemini romana - Bene normalmente chiuso al pubblico
San Gemini si presenta come un caratteristico borgo medievale affacciato sulla valle del Terni, tuttavia le origini dell’insediamento sono molto più antiche e risalgono almeno all’epoca romana. L’itinerario offerto in Giornata FAI propone un approccio inconsueto al paese: si propone infatti di illustrare le vestigia archeologiche monumentali dell’insediamento romano, nonché alcuni tra i principali materiali archeologici di quell’epoca custoditi o riutilizzati nei fabbricati che sorgono all’interno della cerchia muraria: da un complesso di cisterne ai resti di una domus a epigrafi.


Elenco completo delle aperture in Umbria

Provincia di Perugia

Perugia
Chiesa San Francesco al Prato
Piazza San Francesco al Prato
Apertura: Sabato 28, ore 14.00 – 17.00; Domenica 29, ore 10.00 – 16.00
Sabato 28, ore 9.00 – 13.00: ingresso riservato alle sole scuole
Visite guidate, alla formazione di gruppi, a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto Statale d’Arte “Bernardino di Betto” di Perugia e del Liceo Classico “Annibale Mariotti” di Perugia
Chiesa della Madonna della Villa – Santuario dei Pellegrini
Via Assisi - Sant’Egidio
Apertura: Sabato 28, ore 14.00 – 16.00; Domenica 29, ore 11.00 – 13.00 / 14.00 – 16.00
Visite guidate a cura della dottoressa Chiara Capanna
Sabato 28, ore 10.00 – 13.00: ingresso riservato alle sole scuole
Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Classico “Annibale Mariotti” di Perugia

Campello sul Clitunno (PG)
Tempietto sul Clitunno
Italia Langobardorum – Centri di potere e di culto (568-774 d.C.)
Candidatura italiana 2008 – WORLD HERITAGE LIST UNESCO
Via del Tempio, 1 (800 m. circa dalle Fonti del Clitunno - direzione Foligno)
Domenica 29, ore 12.00: Lettura di brani in prosa "I longobardi in Italia"

Campello sul Clitunno (PG) - Loc. Pissignano
Castello di Pissignano
Ritrovo a Pissignano Basso, punto di partenza delle navette
Apertura: Sabato 28 ore 15.00 – 18.00; Domenica 29, ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00
Visite guidate

Castel del Piano Umbro (PG)
Giardino di Villa Aureli
Via Luigi Cirenei, 70
Apertura: Domenica 29, ore 9.00 – 13.00
Visite guidate ore 9.30 e 11.30
Castiglione della Valle – Marsciano (PG)
Borgo Monticelli
Apertura: Domenica 29, ore 9.30 – 13.00 / 14.00 – 17.00
Visite guidate ore 9.30 e 11.30

Monteleone di Spoleto (PG)
Complesso di S. Francesco, locale della Biga e Chiesa di S. Caterina
Ritrovo in Piazza Margherita
Apertura: Sabato 28 e Domenica 29, ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00
Visite guidate

Spoleto (PG)
Complesso di S. Paolo Inter Vineas
Via S. Paolo
Apertura: Sabato 28 e Domenica 29, ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00
(limitatamente alla chiesa le visite saranno sospese dalle 11.30 alle 12.30 per permettere lo svolgimento della funzione religiosa)
Visite guidate
Apprendisti Ciceroni: Istituto Professionale Alberghiero di Stato di Spoleto
S. Angelo de Gilibertis
Piazza Mentana
Apertura: Domenica 29, ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00
Visite Guidate
Apprendisti Ciceroni: Istituto Statale d’Arte “Leoncillo Leonardi” di Spoleto
Basilica di S. Salvatore - Spoleto (PG)
Italia Langobardorum – Centri di potere e di culto (568-774 d.C.)
Candidatura italiana 2008 – WORLD HERITAGE LIST UNESCO
Piazza Mario Salmi, 1 (C/o Cimitero Civico di Spoleto, Via della Basilica di S. Salvatore)
Sabato 28 e Domenica 29, ore 16.00: Lettura di brani tratti dall’Historia Langobardorum di Paolo Diacono, sia in latino che in italiano, ad opera di Claudio Trionfi, con una breve introduzione sulla figura dell’autore da parte di Sergio Macedone

Provincia di Terni
Terni
Un Percorso nella città dell’acciaio
Stabilimento Thyssenkrupp Acciai Speciali Terni
Viale B. Brin, 218
Apertura: Domenica 29, dalle ore 9.30 alle 11.30 e dalle ore 15.00 alle 17.30
Visite guidate alla formazione di gruppi, durante tutto l’orario di apertura

Montoro (TR)
Montoro: il Castello e il suo borgo
Castello - Palazzo Patrizi Montoro e Borgo di Montoro
Piazza Baronale, 1
(autostrada A1, uscita Orte. Prendere direzione Terni, uscita Montoro con successivo innesto nella SS 675. Il parcheggio si trova lungo la strada che immette nel Borgo)
Apertura: Sabato 28, ore 12.00 – 17.00 con orario continuato; Domenica 29, ore 10.00 – 17.00 con orario continuato
Sabato 28, ore 11.00 – 12.00: ingresso riservato ai soli iscritti al FAI; possibilità di iscriversi in loco
Sabato 28, ore 10.00 – 11.00: ingresso riservato alle scuole
Visite guidate ogni 30 min.
Orvieto (TR)
Una giornata ad Orvieto tra santi e cavalieri: la chiesa di San Rocco e il palazzo di Sforza Monaldeschi
Chiesa di San Rocco*
Piazza del Popolo
Palazzo Monaldeschi*
Via di Marsciano, 1
Per tutti i Beni apertura Domenica 29, ore 10.00 – 12.30 / 14.00 – 17.00
Sabato 28, ore 15.00 – 17.00: ingresso riservato ai soli iscritti al FAI; possibilità di iscriversi in loco
Sabato 28, ore 9.00 – 13.00: ingressi riservati alle sole scuole
Visite guidate a cura di Alessandra Cannistrà, Laura Guidi di Bagno
Apprendisti Ciceroni: Istituto d’Istruzione Artistica e Classica di Orvieto

San Gemini (TR)
Alla ricerca della San Gemini romana
San Gemini romana
Apertura: Sabato 28, ore 12.00 – 17.00 con orario continuato; Domenica 29, ore 10.00 – 17.00 con orario continuato
Visite guidate durante tutto l’orario di apertura, con partenza in Piazza San Francesco di fronte al Palazzo del Comune

* Bene fruibile a persone con disabilità fisica


Visto il grande successo delle visite guidate per cittadini stranieri sperimentata nel 2008 a Brescia, quest’anno l’esperienza in collaborazione con l’Associazione “Amici del FAI” coinvolgerà, oltre a Brescia, anche Milano, Torino, Biella, Padova e Palermo, diversificando le lingue utilizzate nella guida in base alle diverse cittadinanze di stranieri presenti.

Anche quest’anno Wind accompagna, in qualità di “main sponsor” della 17° Giornata FAI di Primavera, le iniziative del Fondo Ambiente Italiano per la valorizzazione dei beni artistici e del patrimonio culturale del nostro Paese.
E in collaborazione con il Gruppo Editoriale L’Espresso, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana, con il Patrocinio dei Ministeri per i Beni e le Attività Culturali e della Pubblica Istruzione e con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento della Protezione Civile, con il concorso di numerose Regioni Italiane e il contributo di Bartolini Corriere Espresso, di Phonemedia e di Fila. Con il Patrocinio di RAI Segretariato Sociale.

Il FAI ringrazia Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta, CAI – Club Alpino Italiano, ANGT Associazione Nazionale Guide Turistiche, le Istituzioni Pubbliche e Private, i privati cittadini e tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione, oltre alle 100 Delegazioni e ai 7.000 volontari che con il loro lavoro capillare e la loro collaborazione rendono possibile l’evento.

I visitatori potranno avvalersi anche quest’anno di guide d’eccezione: saranno, infatti, oltre 10.000 gli “Apprendisti Ciceroni”, giovani studenti che illustreranno aspetti storico-artistici dei beni. La loro presenza è stata resa possibile grazie ad Alleanza Assicurazioni.

Informazioni ed elenco completo delle aperture al numero di telefono 0321/443553 24 ore su 24 oppure www.fondoambiente.it




(26-03-2009 07:17)



 
[ stampa ]    [ archivio ]  [ home ]

fwfdsf

L'Umbria che eccelle premiata a Todi

Assisi Suono Sacro, musica e spiritualità in Umbria

Nove candeline per il Trasimeno Music Festival

Dimore storiche, su il sipario su “Storie di ville e giardini”

Un progetto per “La Ceramica Made in Umbria”

Taglio del nastro per il Gluten Free Fest 2013

Ad Assisi, aspettando Con il cuore

Papa Francesco ad Assisi il prossimo 4 ottobre

L’Umbria al Festival di Cannes con Giovanna Vignola

A Perugia, l'inganno di venticinque artisti internazionali

Nove candeline per il Trasimeno Music Festival

Umbria Water Festival 2013… T.V.B. – Ti voglio Bere

Dieci anni di Ra.Mi. in Amazzonia

Perugia sempre più green col Festival della mobilità alternativa

In Umbria, quattro giorni per l’Europa

Dall’ominide all’omìno, riflessioni semiserie di antropologia perugina

A Perugia, Svoltamola!

 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 26-03-2009 alle :