Connect with us

Politica

Apparizioni della Vergine Maria “non sempre reali”, dice il Papa dopo la fila di statue | Papa Francesco

Published

on

Le apparizioni della Vergine Maria “non sono sempre reali”, ha detto Papa Francesco, in quello che sembra essere un riferimento indiretto a una donna che ha attirato migliaia di pellegrini in una città vicino a Roma per pregare davanti a una statua che, secondo lei, versava lacrime di sangue .

«Non guardate lì», ha detto domenica il pontefice durante un’intervista a Rai 1 quando gli è stato chiesto delle apparizioni della Vergine Maria. “Ci sono immagini della Madonna che sono vere, ma la Madonna non ha mai disegnato [attention] a se stessa», disse. “Mi piace vederla con il dito puntato verso Gesù. Quando la devozione mariana è troppo egocentrica, non va bene. Sia nella devozione che nelle persone che la portano avanti”.

L’intervista è andata in onda pochi giorni dopo che i residenti di Trevignano hanno invitato Francesco a intervenire contro Maria Giuseppe Scarpulla, soprannominata “la Santa” e “veggente”. Da cinque anni organizza cerimonie mensili in un parco affacciato sul lago di Bracciano dove una statua della Madonna è custodita in una teca di vetro.

La statua è stata acquistata da Scarpulla, nota ai suoi seguaci come Gisella Cardia, in un luogo di pellegrinaggio cattolico a Medjugorje, in Bosnia. Al suo ritorno in Italia, ha affermato che la Madonna faceva apparizioni, piangeva lacrime di sangue e le comunicava messaggi.

Marco Salvi, un vescovo locale, la scorsa settimana ha esortato i pellegrini a smettere di affluire al sito il terzo di ogni mese mentre la sua diocesi indaga sui fenomeni che circondano la statua. Molte persone hanno pregato davanti alla statua in cerca di cure per gravi malattie.

Scarpulla sta affrontando un’indagine giudiziaria dopo che un investigatore privato ha affermato che le macchie di sangue sulla statua provenivano da un maiale, e dopo che alcuni dei suoi seguaci hanno affermato di essere stati truffati.

Scarpulla, che in passato era stata condannata per frode fallimentare, ha creato una fondazione attraverso la quale ha raccolto donazioni, che secondo quanto riferito sarebbero andate alla creazione di un centro per bambini malati. Un uomo ha detto a La Repubblica che lui e sua moglie avevano donato 123.000 euro (106.000 sterline) alla sua fondazione.

“Eravamo entrambi malati, ci fidavamo di lei, è stato un errore clamoroso”, ha detto.

salta la promozione della newsletter precedente

Scarpulla fuggì da Trevignano all’inizio di aprile tra il furore solo per tornare poche settimane dopo. Ospita ancora le cerimonie, anche se l’evento di sabato è stato segnalato come un flop, con solo una manciata di persone presenti. Il mese scorso ha dichiarato di non essere stata scoraggiata dalle indagini e dall’ordine di demolizione della teca di vetro.

“Non mi sposterò di un centimetro perché sono nella casa di Dio e ho la Madonna dalla mia parte”, ha detto.

Source link

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Politica

‘Nessun povero decide come farsi fotografare’ | Fotografia

Published

on

By

Il tema del festival Cortona on the Move di quest’anno, che si tiene ogni anno in Toscana, è More or Less, e il modo in cui queste due categorie possono essere utilizzate per comprendere noi stessi e il nostro mondo.

In 26 mostre, i fotografi documentaristi esplorano i contrasti tra ricchezza e povertà, abbondanza e scarsità, marginalità e mainstream.

Di seguito, il fotografo e direttore artistico del festival Paolo Woods spiega il suo tema.

“Sono sempre stato molto interessato al motivo per cui la fotografia documentaria è stata così affascinata dalla povertà e ha così tanto dimenticato la ricchezza, i benestanti ei ricchi; e perché la maggior parte delle immagini dei ricchi erano commerciali, celebrative, pubblicitarie o solo pura ritrattistica, ma sempre realizzate secondo i termini dei modelli”, ha detto.

Dalla serie "Belgravia" © Karen Knorr

“In secondo luogo, penso che oggi, con la stampa che si scioglie come neve al sole, il ruolo del festival non sia solo mostrare un buon lavoro, ma anche dire qualcosa.

“Gran parte di ciò che viene prodotto oggi in fotografia si concentra sull’interiorità, sull’intimo, su ciò che senti, sul personale a scapito del politico.

“La fotografia è uno strumento incredibile per esplorare il sé, ma non può riguardare solo il sé; deve rivolgersi a una comunità più ampia e alle condizioni del mondo in cui viviamo – quello che si potrebbe chiamare lavoro politico.

Uzi Lvke, nome d'arte di Luca Sampieri, rapper italiano di origini romane, fotografato a Corviale, un complesso residenziale alla periferia sud-ovest di Roma.

  • Uzi Lvke, nome d’arte di Luca Sampieri, rapper italiano, fotografato a Corviale, un complesso residenziale alla periferia sud-ovest di Roma. La fotografia è presente nella mostra Ultima Chance di Marco Garofalo.

“Se torniamo alla vecchia distinzione in cui dividiamo la fotografia in finestre e specchi, sento che ora ci sono molti specchi e le finestre tendono tutte a mostrare la stessa cosa. Ma sento anche che c’è molto lavoro che merita di essere mostrato e che riguarda il mondo in cui ci troviamo.

“In un anno in cui abbiamo visto l’inflazione galoppare e vediamo le statistiche sulla disuguaglianza, soprattutto dopo la pandemia, salire alle stelle, ho pensato che non potessimo sfuggire a questo. Voglio parlare di ricchezza e povertà.

“Questa scissione tra più e meno è un modo in cui puoi guardare il mondo. È un filtro attraverso il quale puoi guardare non solo alle questioni relative all’economia e alla ricchezza, ma anche ad altre questioni.

“Riguarda chi siamo. E riguarda anche, ovviamente, i ricchi e il modo in cui si ritraggono, e come li ritraiamo e come li immaginiamo. Non è che i ricchi siano sottorappresentati; possono essere sovrarappresentati, ma alle loro condizioni.

Firenze di Massimo Vitali.

  • Firenze di Massimo Vitali. Per Woods, ‘Vitali è documentario al 100%. Ci racconta qualcosa del mondo in cui viviamo. Non è fotogiornalismo, è solo uno dei dialetti del linguaggio della fotografia.’

“Un povero non ha un addetto stampa, un addetto alle pubbliche relazioni, cani e barriere e ville con allarmi. Nessun povero decide come farsi fotografare.

“Ora, quando fotografi qualcuno di importante, per prima cosa parli con qualcuno nel mezzo che ti dice che tipo di immagine puoi realizzare, che guarda l’immagine per decidere quanto ritocco ci sarà, e chi poi decide cosa puoi farne. Non siamo nemmeno vicini al giornalismo; siamo vicini all’agiografia.

“Non si tratta solo dei ricchi, si tratta di come ritrai le cose. Siamo abituati a un tipo di fotografia e vediamo il tipo di immagini già nella nostra mente prima che vengano scattate.

Sessione di yoga durante la luna piena al Fairmont The Palm Hotel.  Dalla serie

“Ho cercato di andare un po’ oltre quel cliché e dire che ricchezza e povertà, ma non solo questi problemi, possono essere rappresentati in modi diversi. E la ricchezza e la povertà possono essere trovate in Europa, Africa, Sud America, Stati Uniti o altrove.

“Sto cercando un lavoro che mi parli da prospettive completamente nuove sul mondo che ci circonda. Può iniziare da qualcosa di personale, ma diventare molto più generale e parlare a molte più persone. Qualche anno fa avresti avuto difficoltà a definirla fotografia documentaristica”.

Cinque da vedere…

Lara (29) lavora come consulente per il trucco

di Irina Werning Come sopravvivere all’inflazione da un professionista consiste in calci piazzati che fanno commenti ironici sui decenni di inflazione a due cifre dell’Argentina.

La consulente per il trucco e delegata sindacale Lara, ad esempio, posa con banconote che rappresentano lo stipendio di un mese più i guadagni dei suoi lavori di modella freelance.

Per Woods, “Werning arriva dal punto di vista di un economista e ti dice cos’è il sistema e cosa c’è dietro. Realizza illustrazioni fotografiche che sono spiegazioni.

Ricevimento VIP presso uno stand svedese con vino e stuzzichini.  Fiera della difesa MSPO 2016 a Kielce, Polonia

di Nikita Teryoshin Nothing Personal esplora il terreno delle mostre della difesa e delle fiere delle armi, ed è installato in modo appropriato ed efficace nell’ex armeria simile a un bunker della Fortezza del Girifalco di Cortona.

I partecipanti alla sprovvista e anonimi rappresentano una classe di mercanti la cui attività è il combattimento.

Agli occhi di Woods, “Nikita è un giovane fotografo che ha alle spalle un’intera tradizione di fotogiornalismo, ma utilizza un linguaggio diverso. Lo affronta in un modo diverso.

Da LARRY FINK: Le vanità
Dalla serie

  • A sinistra: Da Larry Fink: the Vanities – un libro incentrato su bellezza, fama, glamour e ricchezza del fotografo americano di Vanity Fair; A destra: la festa di laurea di Oslin, giugno 1977, dalla serie Social Graces di Fink.

di Larry Fink La mostra Class Issues contrappone due distinti corpi di lavoro. Il primo, e il più familiare, include fotografie di feste di Hollywood scattate per Vanity Fair.

Fink, dice Woods, “non stava fotografando Warren Beatty, Hillary Clinton, questa o quell’attrice, stava fotografando persone molto importanti che recitavano ruoli”.

L’altro lavoro in mostra riguarda gli stili di vita meno glamour dei suoi vicini in Pennsylvania, per i quali il gioco di ruolo sembrerebbe un lusso insostenibile.

Approcci bellicosi al turismo di Maria Planas

di Maria Planas Warlike Approaches to Tourism è un’esplorazione archivistica e testuale dell’impatto dell’industria del tempo libero sulle principali destinazioni turistiche, in particolare Maiorca.

Una ricchezza di materiale è esposta in un’installazione dal pavimento al soffitto progettata per sopraffare lo spettatore mentre affronta questioni derivanti dalle regolari “invasioni” dell’isola da parte dei vacanzieri, tra cui la bolla immobiliare, la crisi ecologica e il turismo sessuale.

Inaspettatamente, la risorsa visiva più abbondante di Planas è l’archivio del nonno fotografo, l’individuo più responsabile della cristallizzazione dell’iconografia dell’isola come destinazione per il tempo libero.

Eric B & Rakim.  Segui il leader Servizio fotografico, 1988 © Drew Carolan

Diventa ricco o muori provando’ è una mostra collettiva con opere di Jamel Shabbaz, Marc Baptiste, Janette Beckman e Dana Lixenberg, tra gli altri, incentrata sullo straordinario viaggio della musica rap dalla periferia culturale priva di diritti civili all’accettazione mainstream.

L’ironia non si perde su Woods: “All’inizio era super marginale, ma abbracciava i valori dell’estrema ricchezza”, ha detto.

Source link

Continue Reading

Politica

Il sindaco di Milano sostiene Sadiq Khan e afferma che London Ulez è un’ispirazione | Inquinamento

Published

on

By

Sadiq Khan ha ottenuto il sostegno del sindaco di Milano, una delle città più congestionate d’Europa, per l’estensione della zona a bassissime emissioni (Ulez) a Londra dopo le critiche degli elettori e del suo stesso leader del partito per le accuse contro gli automobilisti.

Giuseppe Sala, che guida il governo municipale di Milano dal 2016, ha affermato che la politica del sindaco di Londra sulle auto inquinanti è stata un’ispirazione per i suoi tentativi di migliorare la qualità dell’aria nella sua città nel nord Italia.

Sala ha affermato che Khan dovrebbe essere sostenuto nei suoi sforzi da politici a livello nazionale date le decine di migliaia di morti evitabili per inquinamento, poiché il sindaco è sottoposto a crescenti pressioni per rivedere i suoi piani per estendere l’accusa di Ulez oltre il centro di Londra il mese prossimo.

“L’introduzione della zona a bassissime emissioni di Londra e la sua espansione pianificata continuano a informare la strategia di Milano per dare priorità allo spazio per le persone rispetto alle auto, ridurre il numero di veicoli inquinanti nelle nostre strade e proteggere la salute dei residenti”, ha affermato Sala. “Abbiamo esaminato l’impatto trasformativo degli Ulez sulla riduzione della concentrazione di NO2 e PM2.5 nel centro e nel centro di Londra, che ha portato circa 4 milioni di londinesi a respirare aria più pulita. L’esempio di Londra mostra cosa si può fare combinando una chiara volontà politica con un forte impegno da parte dei partner e delle comunità locali”.

La politica di Ulez, che impone una tariffa giornaliera di 12,50 sterline ai conducenti di vecchi veicoli diesel e benzina, è stata una questione critica nelle elezioni suppletive di Uxbridge e South Ruislip della scorsa settimana nel nord-ovest di Londra, che i laburisti hanno perso di poco.

Rishi Sunak ha suggerito che tali questioni di cuneo potrebbero essere la risposta ai problemi elettorali del suo partito, mentre Keir Starmer ha indicato che Khan dovrebbe ripensare i suoi piani per estendere la zona ad agosto oltre il centro di Londra per includere tutti i distretti della capitale.

“Stiamo facendo qualcosa di molto sbagliato se le politiche proposte dal partito laburista finiscono su ogni singolo volantino Tory”, ha detto sabato Starmer. “Dobbiamo affrontarlo e imparare le lezioni.”

Il municipio ha suggerito che Khan è in “modalità di ascolto”.

Sala ha affermato che invece di essere al centro delle critiche, la politica di Khan dovrebbe essere sostenuta da tutti quei leader regionali e nazionali in tutta Europa che sono preoccupati per l’impatto della scarsa qualità dell’aria nelle principali città.

Nel 2021, l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che limitare i livelli di inquinamento atmosferico potrebbe prevenire 50.000 morti all’anno in tutto il continente.

Sala, che faceva parte dell’amministrazione di centrosinistra del Partito democratico che nel 2019 ha bandito i veicoli più inquinanti dall'”area B” che copre il 72% di Milano, ma che nel 2021 è entrato a far parte del partito dei Verdi europei, ha dichiarato: “Possiamo imparare dalle reciproche esperienze e, si spera, aprire la strada affinché altre città intraprendano azioni coraggiose.

“Anche i governi regionali e nazionali dovrebbero sostenere ciò che stanno facendo le città all’avanguardia: questa è una questione di salute pubblica e dovrebbe essere una priorità per tutti i livelli di governo”.

Ulez è stato introdotto nel centro di Londra nel 2017 e nell’ottobre 2022 aveva ridotto del 46% il biossido di azoto proveniente dal traffico. Gli studi suggeriscono che circa 4.000 londinesi muoiono prematuramente ogni anno a causa dell’aria tossica.

Milano ha uno dei peggiori livelli di inquinamento atmosferico in Europa, con 49 auto possedute ogni 100 abitanti.

Il suo sindaco ha aggiunto che, pur riconoscendo che le zone a basse emissioni potrebbero influire in modo sproporzionato su coloro che hanno i salari più bassi, la risposta è stata l’investimento nei trasporti pubblici e nei club automobilistici condivisi.

Sala ha dichiarato: “Sono consapevole che quei residenti che guidano un’auto più vecchia e inquinante potrebbero avere difficoltà a passare a un veicolo più pulito. Per questo, oltre all’area B, dobbiamo dare ai cittadini modalità alternative per muoversi in città, aumentando e migliorando i trasporti pubblici, i veicoli condivisi e le piste ciclabili più sicure.

“L’introduzione dell’area B a Milano è stata accompagnata da un investimento a lungo termine per l’estensione e il miglioramento del trasporto pubblico – stiamo completando la nostra nuova linea metropolitana, M4 – e per realizzare un trasporto pubblico completamente elettrico entro il 2030. Ascoltiamo anche le preoccupazioni dei residenti, fornendo supporto a chi ne ha più bisogno per accedere ai trasporti, sussidi ed esenzioni.

“Milano ha una delle peggiori qualità dell’aria in Europa, ma l’area B avrà un impatto significativo, dimezzando l’inquinamento da PM10 e NOx rispettivamente entro il 2022 e il 2026”.

Sala ha affermato che da quando Londra ha introdotto la tassa sulla congestione nel 2012, l’amministrazione della città è stata il pioniere da cui imparare.

Ha detto: “Stiamo osservando da vicino il modello di Londra per una progressiva espansione della zona a basse emissioni, investimenti in un programma di rottamazione inclusivo e espansione del trasporto pubblico e delle opzioni di mobilità attiva. Lavorando insieme e condividendo le nostre esperienze possiamo fare la differenza”.

Source link

Continue Reading

Politica

L’ondata di caldo sarà la più lunga della Grecia mentre il clima estremo continua in Europa | Tempo estremo

Published

on

By

L’ondata di caldo che sta travolgendo la Grecia dovrebbe essere la più lunga nella storia del paese, con temperature che dovrebbero raggiungere il massimo di 50 anni per luglio questo fine settimana.

Kostas Lagouvardos, direttore della ricerca presso l’Osservatorio nazionale di Atene, ha dichiarato alla televisione ERT: “Secondo i dati, probabilmente attraverseremo 16-17 giorni di un’ondata di caldo, cosa mai avvenuta prima nel nostro Paese”. La Grecia definisce un’ondata di caldo come un periodo in cui le temperature raggiungono o superano i 39°C (102°F).

La scorsa settimana il caldo estremo ha colpito l’Europa meridionale, gli Stati Uniti e il Nord Africa. L’Italia ha vissuto la sua terza ondata di caldo estivo e si prevede che le temperature saliranno in Spagna domenica, quando si terranno le elezioni nazionali.

Negli Stati Uniti, Phoenix ha avuto 70 giorni in cui le temperature non sono scese sotto i 32°C, compreso un periodo di tre settimane in cui le temperature hanno raggiunto i 43°C nella capitale dell’Arizona. Mentre in Tunisia, le temperature sono da 6°C a 10°C sopra la media per questo periodo dell’anno.

Secondo il meteorologo Panagiotis Giannopoulos, Atene dovrebbe essere più calda di 40°C per almeno sei o sette giorni. I giorni successivi di caldo estremo sono insoliti per la capitale greca.

I ministeri del governo hanno consigliato alle persone di lavorare da casa ove possibile e di non uscire inutilmente. I principali siti turistici saranno chiusi durante la parte più calda della giornata, inclusa l’Acropoli, un sito del patrimonio mondiale, che sarà chiusa da mezzogiorno alle 17:30 tutti i giorni fino a domenica.

Un uomo di 46 anni sarebbe morto per un colpo di calore dopo essere stato ricoverato all’ospedale di Chalkida, nell’isola centrale di Evia. L’ospedale ha affermato che l’insufficienza cardio-respiratoria dopo l’esposizione a temperature elevate sembra essere la causa.

salta la promozione della newsletter precedente

Le autorità hanno riferito che i vigili del fuoco stavano ancora combattendo 79 incendi boschivi in ​​tutta la Grecia, con un portavoce, Vassilios Vathrakoyannis, che ha affermato che il paese sarebbe stato in stato di allerta per tutto il fine settimana.

I forti venti riaccendono gli incendi in Grecia, provocando ulteriori evacuazioni – video

Il precedente record di ondata di caldo in Grecia è stato stabilito nel 1987, quando la temperatura torrida è durata 11 giorni.

La temperatura più alta di Atene, di 44,8°C, è stata registrata nel giugno 2007, secondo l’osservatorio nazionale, con la vicina Elefsina che ha registrato un massimo nazionale di 48°C nel luglio 1977.

In Sicilia, dove nell’agosto 2021 è stato registrato il record europeo di 48,8°C, martedì e mercoledì le temperature hanno toccato i 47°C nella zona compresa tra Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, e Sciacca, in provincia di Agrigento, secondo i dati del sito ilMeteo.it.

In Spagna, Málaga ha toccato i 44,2°C mercoledì, eguagliando il record di tutti i tempi per la città costiera meridionale, ha detto il servizio meteorologico spagnolo. Le temperature sono scese venerdì, ma si prevede che torneranno a salire domenica. Il rischio di incendi in Spagna è rimasto a livelli elevati o molto elevati.

Source link

Continue Reading

Trending